• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.199 visite

Come difendersi dalle meduse

Come difendersi dalle meduse: il decalogo per prevenire arrossamenti, irritazioni e prurito provocati dai tentacoli urticanti.

Uno dei protagonisti delle estati al mare è anche uno dei più sgradevoli e temuti. Parliamo delle meduse, sempre più diffuse nel Mediterraneo a causa del surriscaldamento delle acque, dell’aumento della salinità dei mari costieri (causato da un minor apporto di acque dolci da parte dei fiumi) e dai periodi prolungati di mare calmo che influenza gli spostamenti di questi animali incapaci di contrastare le correnti e le onde.
I loro tentacoli urticanti mietono ogni anno migliaia di “vittime” sulle nostre coste: ma per fortuna le conseguenze non sono mai davvero pericolose (salvo che per i soggetti allergici), specie se si conoscono le contromisure più idonee da adottare tempestivamente.
Tuttavia, le bruciature provocate dai tentacoli delle meduse sono sempre molto fastidiose e dolorose. Arrossamenti, prurito e irritazioni della pelle sono quanto di più sgradevole possa capitare durante un placida giornata al mare. E allora? Cerchiamo di saperne di più.

 

Leggi anche: Bagno in mare: cosa fare se ti sfiora una medusa

 

Il decalogo
Le “carezze” dolorose delle meduse sono causate dai cnidociti, cellule specializzate che, se stimolate, reagiscono emettendo una specie di micro-frusta, alla cui estremità è presente una sostanza urticante che serve sia per difesa che per alimentarsi: è utilizzata, infatti, anche per immobilizzare le prede. Il Consorzio Mediterraneo, struttura di ricerca della Lega Pesca, ed il Centro Studi hanno stilato un decalogo che indica come difendersi e quali sono gli interventi di primo soccorso da mettere subito in atto se si viene colpiti da un tentacolo urticante.

 

1) Evitare di strofinarsi occhi e bocca.

2) Non lavare la parte con acqua dolce perché favorisce la produzione di neurotossine, capaci di causare danni a livello del sistema nervoso centrale.

3) Non utilizzare acqua fredda o ghiaccio.

4) Sfuggire alla tentazione di grattarsi, in quanto ciò stimolerebbe l’attività muscolare, mettendo in circolo più velocemente la sostanza tossica.

 

Leggi anche: Piccoli incidenti in vacanza, come regolarsi

 

5) Lavare la parte colpita con acqua di mare e disinfettarla con bicarbonato.

6) No ai rimedi dettati dalle credenze popolari: impacchi con aceto o ammoniaca sono praticamente inutili.

7) Sconsigliato anche l’alcol, che può stimolare l’apertura dei nematocisti, le cellule urticanti delle meduse.

8) Prima di utilizzare creme o pomate, meglio chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista.

9) Evitare di rimuovere i frammenti dei tentacoli con pinzette, utilizzare, invece, le mani, per evitare di lacerare i tessuti e causare la fuoriuscita di tossine dannose.

10) Se presi dalla disperazione, come rimedio estremo, usare pomate antistaminiche o cortisoniche, ma sempre sotto il controllo di un medico.

Solo quando si evidenziano una forte reazione cutanea, crisi respiratoria, pallore, sudorazione e disorientamento, è il caso di preoccuparsi: la cosa migliore da fare è chiamare subito il 118.

 

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}