• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

4.758 visite

Come descrivere se stessi? Ecco le 31 domande del questionario di Proust

Per conoscere gli altri o per descrivere te stesso ecco le 31 domande del Questionario di Proust; ottimo per un curriculum di lavoro ed un profilo su Facebook.

come conoscere gli altri con il questionario di proust

Descrivere se stessi è un’arte e come tutte le arti ha bisogno di ispirazione.

Se  lasciamo libero sfogo alla nostra vanità, forniremo di noi una descrizione arbitraria che probabilmente  ci  dipinge più come vorremmo essere che come siamo realmente. Se, invece, diamo sfogo al pessimismo, rischiamo di sminuire le nostre abilità ed i nostri pregi.

 

 

Leggi anche: Perchè i brutti piacciono ai belli

 

Il dilemma  allora è: la descrizione di noi stessi dev’essere pienamente rispondente alla realtà? Sia nei pregi che nei difetti? O dobbiamo solo descrivere i pregi e le attitudini e omettere i difetti e le idiosincrasie, lasciando che siano gli altri a scoprirle?

Sul quesito la psicologia si interroga da secoli. Una delle soluzioni la fornisce il cosiddetto Questionario di Proust, una serie di domande che aiutano a svelare molti aspetti del nostro modo di essere e che possono toglierci dall’impaccio.

Il questionario era agli inizi del 1800 una sorta di gioco di società; lo si proponeva all’ospite della serata per consentirgli di  descrivere se stesso agli invitati ed avviare così discussioni spesso letterarie o culturali. La prima traccia scritta si l’ha lasciata alla fine dell’800 Antoinette Faure  la figlia del futuro presidente Francese che, ispirandosi agli album della nobile società inglese, lo sottopose nel suo salotto all’allora non ancora così famoso scrittore Marcel Proust. Le risposte rimasero nascoste per molti anni fino a quando nel 1924 uno dei figli della signora Faure lo trovò e ne rese pubblico il contenuto.

 

 

Leggi anche: Le 4 bugie che diciamo a noi stessi per non cambiare carattere

 

 

Da allora il questionario, che  ha preso il nome di Proust solo perché lo scrittore vi si sottopose e non perché lo ideò, ha vissuto  una continua celebrità che dura ancora ad oggi.

 

Se volete conoscere qualcuno o conoscere voi stessi basta rispondere alle sue 31 domande. Eccole……

 

Le 31 domande del questionario di Proust

 

(segue)

 

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}