• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.118 visite

Come si svolge una lezione di playagym

Tutte gli esercizi che compongono una lezione di playagym

Playagym - Come si svolge una lezione

La playagym è un originale miscela di aerobica, danza, walking, arti marziali, acquagym e stretching da fare sulla spiaggia e diventato vero culto delle vacanze in villaggio e negli stabilimenti balneari.

La playagym è studiata in modo da tenere conto dell’ambiente in cui ci si trova e da non richiedere uno sforzo fisico eccessivamente spinto; quindi è  un’attività fisica adatta alle persone di tutte le età, indipendentemente dal loro grado di allenamento.

 

Come si svolge una lezione di Playagym

Prima di cominciare a praticare il Playagym è utile avere un insieme di informazioni preliminari.

Se vuoi sapere come si svolge una lezione di Playgym, segui passo passo le indicazioni sottostanti:

 

Riscaldamento – Si parte dal bagnasciuga e piano piano si immergono i piedi per abituare il corpo alla temperatura (più bassa) del mare. Con l’acqua fino alla caviglie, dovrete fare una serie di movimenti semplici che verranno poi ripetuti anche nella fasi successive. Durata: 20 minuti.

A questo punto la lezione prevede un serie di “passeggiate”, prima verso destra e poi verso sinistra (tecnica del gymwalking). Ma attenzione: i passi vanno eseguiti in perpendicolare rispetto alle onde, per sfruttare al massimo il massaggio benefico dell’acqua. Durata: 15 minuti.

Il corpo si è ormai abituato alla temperatura del mare. Siete entrate quindi nella fase aerobica: dovete abbinare corsette laterali, incrociate o avanti e indietro, a esercizi per le braccia e le spalle. È la fase in cui si lavora a ritmi molto veloci, ma la fatica viene alleviata dal fatto che in acqua il corpo è molto più leggero che sulla terraferma. Durata: 10 minuti.

Immersi fino al collo, è ora di dedicarsi solo gli arti superiori. I muscoli di braccia e spalle sfruttano al massimo la resistenza dell’acqua. È importante quindi tenere sempre le mani a “cucchiaio”. Durata: 10 minuti.

Siete ancora in acqua, ma adesso l’insegnante vi mostra una serie di movimenti che aiutano i muscoli a distendersi e rilassarsi, dopo il duro lavoro svolto fin qui. Così si evitano quei doloretti che potrebbero colpirvi più tardi, per colpa del ristagno dell’acido lattico. Durata: 5 minuti.

leggi anche
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}