• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

995 visite

Come promuovere la felicità dei figli

I bambini felici accettano le frustrazioni e gli ostacoli con maggiore calma

Come promuovere la felicità dei figli

I bambini felici sono solitamente sani e pieni di energia e la felicità stessa fornisce una forte motivazione a fare le cose. Complessivamente, i bambini felici accettano le frustrazioni e gli ostacoli con maggiore calma e si sforzano di trovare una soluzione ai problemi. La felicità, naturalmente incoraggia ogni tipo di contatto e di attività sociale: la gente di solito reagisce positivamente all’allegria e la felicità da a un bambino un’espressione amichevole, che costituisce un ottimo punto di partenza per ogni sorta di rapporti personali. L’infelicità, invece, fiacca la forza e la resistenza di un bambino e il suo benessere fisico e psicologico. Ciò, a sua volta, impedisce di indirizzare correttamente l’energia in attività dotate di scopo, così che spesso i bambini infelici dissipano le loro risorse in malumori, sogni ad occhi aperti e atteggiamenti di autocommiserazione; il bambino infelice tende ad essere introverso e chiuso in sé. L’infelicità taglia le gambe alla motivazione, alla determinazione e al desiderio di avere successo. I comportamenti “distruttivi” sono assai più comuni nei bambini infelici e impediscono loro di imparare dall’esperienza. La felicità può diventare uno stato d’animo abituale ed è compito vostro accertarvi che il bambino lo acquisisca. Analogamente, anche l’infelicità può trasformarsi in abitudine, ed è vostro compito impedirlo. Naturalmente un’infanzia felice non è garanzia di successo nell’adulto, ma per lo meno permette di gettare le basi di tale riuscita, mentre l’infelicità è l’anticamera dell’insuccesso.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}