• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.692 visite

Colpo di frusta, uno shock per il collo da non trascurare

Caratteristiche, sintomi e cure della conseguenza più tipica di un tamponamento in auto

 
Il modo in cui lo chiamiamo comunemente – colpo di frusta – è quello che meglio descrive questo trauma per la colonna cervicale. Già, perché il movimento a cui viene sottoposta (la situazione più tipica è quella di un tamponamento subito in auto) costringe il corpo a riprodurre quell’effetto che fa una frusta quando schiocca in aria: si inarca progressivamente fino a indurre la punta – la testa, nel caso del corpo umano – a un colpo netto e deciso, molto doloroso e soprattutto dalle conseguenze serie e fastidiose.

 

Leggi anche: I sintomi del colpo di frusta

 

Quanto è diffuso il fenomeno

Attualmente in Italia ogni 100 incidenti stradali ci sono 18 richieste di risarcimento per danni alla persona, e in 12 casi su 18 si tratta di distorsioni al rachide cervicale, il cosiddetto colpo di frusta.

Trattandosi di un fenomeno diffusissimo, nel 2012 l’ex governo Monti ha deciso di emanare un provvedimento che rendesse più difficile –ma non impossibile- l’ottenimento di un risarcimento per tali ”lesioni di lieve entità”.

 

Leggi anche:  4 esercizi utili per prevenire  guai e guarire il colpo di frusta

 

Che cos’è il colpo di frusta
Tecnicamente il colpo di frusta è una distorsione accompagnata dallo stiramento dei muscoli e dei legamenti, provocati da un movimento brusco e improvviso della testa.

 

Le cause del colpo di frusta
Le cause? Un trauma diretto, per esempio una caduta o un tuffo in acqua scoordinato; oppure indiretto, com’è il caso classico dell’incidente automobilistico. In quest’ultima ipotesi, infatti, la testa viene sottoposta a improvvise forze di accelerazione e decelerazione, che mettono in tensione le strutture di collegamento delle vertebre cervicali (legamenti, capsule e dischi).
Immaginate la testa come una palla, la cui unica struttura di sostegno è il collo: quando si subisce per esempio un tamponamento, la testa, a causa del suo peso, prosegue nella sua corsa in avanti e poi sviene sbalzata di nuovo all’indietro perché trattenuta dal collo. Conseguenza: una lesione, più o meno seria, dei tessuti molli: muscoli, legamenti e articolazioni.

 

Che tipo di guidatore sei? Scoprilo con IL TEST

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}