• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.528 visite

Colpo di frusta, come guarire anche se l’assicurazione non paga

Colpo di frusta, come ridurre il dolore anche se l’assicurazione non paga: dalla diagnosi agli esercizi, tutto quello che devi sapere.

O davvero o per finta, fatto sta che il colpo di frusta è il principale danno fisico lamentato dagli italiani quando hanno un incidente stradale, tanto che 4 vittime su 5  chiedono di essere indennizzati  come vittime di un danno biologico permanente.

Ma davvero è così importante? E davvero può può lasciare strascichi così duraturi  da determinare una sia pur lieve invalidità? E cos’è, come si cura e quanto tempo impiega a guarire?

Intanto diciamo che dal 2012 la percentuale di denunce al riguardo è fortemente calata come conseguenza della modifica della legge  del Governo Monti che ha  ridotto  la possibilità di risarcire il danno quanto si tratta di  danno lieve.

E’ vero che per lungo tempo  c’è stato un contenzioso  di fronte alla  Giustizia italiana per decidere se   la distorsione cervicale deveva essere accertata da una diagnosi strumentale ( lastra, risonanza) o basta il parere del medico.  Incertezza cancellata dalla citata legge che ha stabilito  che: “Il danno alla persona per lesioni di lieve entità […] è risarcito solo a seguito di riscontro medico legale da cui risulti visivamente o strumentalmente accertata l’esistenza della lesione”.

 

 

Leggi anche:  I sintomi del “colpo di frusta”

 

Che cos’è il colpo di frusta
Il modo in cui lo chiamiamo comunemente – colpo di frusta – è quello che meglio descrive questo trauma per la colonna cervicale. Già, perché il movimento a cui viene sottoposta (la situazione più tipica è quella di un tamponamento subito in auto) costringe il corpo a riprodurre quell’effetto che fa una frusta quando schiocca in aria: si inarca progressivamente fino a indurre la punta – la testa, nel caso del corpo umano – a un colpo netto e deciso, molto doloroso e soprattutto dalle conseguenze serie e fastidiose.

Tecnicamente il colpo di frusta è una distorsione accompagnata dallo stiramento dei muscoli e dei legamenti, provocati da un movimento brusco e improvviso della testa.

 

Leggi anche: Il collo si blocca? Ecco di chi può essere la colpa

 

 

Le cause del colpo di frusta
Le cause? Un trauma diretto, per esempio una caduta o un tuffo in acqua scoordinato; oppure indiretto, com’è il caso classico dell’incidente automobilistico. In quest’ultima ipotesi, infatti, la testa viene sottoposta a improvvise forze di accelerazione e decelerazione, che mettono in tensione le strutture di collegamento delle vertebre cervicali (legamenti, capsule e dischi).

Immaginate la testa come una palla, la cui unica struttura di sostegno è il collo: quando si subisce per esempio un tamponamento, la testa, a causa del suo peso, prosegue nella sua corsa in avanti e poi sviene sbalzata di nuovo all’indietro perché trattenuta dal collo. Conseguenza: una lesione, più o meno seria, dei tessuti molli: muscoli, legamenti e articolazioni.

 

Colpo di frusta o semplice torcicollo? Scoprilo con il test

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}