• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

179 visite

Ci tieni alle ossa? Vacci piano con la vitamina E

Assumerne troppa senza che l’organismo ne abbia bisogno espone all’osteoporosi

Quando ci sentiamo un poA? giA? di tono, dolori alle ossa, stanchi e spossati senza motivo apparente, la prima tentazione è di mettere mano agli integratori multivitaminici. Quasi sempre, poi, senza chiedere consiglio a un medico, ma affidandosi al massimo al racconto di un amico o a qualche sommaria conoscenza personale.

Bene, comportarsi in questo modo è un errore grave: affidarsi al fai-da-te è quasi sempre inutile, spesso sbagliato, talvolta anche controproducente. Perchà, come dimostra un recente studio, esagerare con certe vitamine, a maggior ragione quando lA?organismo non ne ha bisogno, può danneggiare il nostro corpo.

 

 

LA?azione negativa sulle ossa
Secondo uno studio giapponese pubblicato sulla rivista scientifica “Nature Medicine”, troppa vitamina E può provocare la diminuzione della massa ossea. I ricercatori hanno appurato che una concentrazione equivalente a quella presente negli integratori in commercio, “erode” le ossa, stimolandone la degenerazione.

E considerato il consumo sempre più frequente di integratori da parte di individui di ogni età, ha spiegato Shu Takeda dell’ateneo Keio a Tokyo, la scoperta può avere rilevanza in termini di salute pubblica.

 

Leggi anche: Le 8 vitamine indispensabili per la donna

 

GLI ALIMENTI CON MAGGIOR CONTENUTO DI VITAMINA E
Alimento Categoria Vitamina E % RDA
Olio di germe di grano Oli e grassi 149,4 mg 1494,00%
Olio di nocciola Oli e grassi 47,2 mg 472,00%
Olio di semi di girasole Oli e grassi 41,08 mg 410,80%
Olio di semi di girasole altamente oleico Oli e grassi 41,08 mg 410,80%
Olio di semi di girasole parzialmente idrogenato Oli e grassi 41,08 mg 410,80%
Olio di mandorla Oli e grassi 39,2 mg 392,00%
Peperoncino (pepe cornuto), in polvere Aromi e spezie 38,14 mg 381,40%
Semi di girasole Frutta secca 35,17 mg 351,70%
Olio di riso Oli e grassi 32,3 mg 323,00%
Paprika Aromi e spezie 29,83 mg 298,30%
Peperoncino rosso (cayenna) Aromi e spezie 29,83 mg 298,30%
Olio di vinacciolo Oli e grassi 28,8 mg 288,00%
Mandorle Frutta secca 26,22 mg 262,20%
Semi di girasole tostati Frutta secca 26,1 mg 261,00%
Burro di mandorle Frutta secca 24,21 mg 242,10%
Mandorle pelate Frutta secca 23,75 mg 237,50%
Curry (polvere) Aromi e spezie 21,99 mg 219,90%
Origano Aromi e spezie 18,26 mg 182,60%
Nocciole pelate Frutta secca 17,5 mg 175,00%
Olio di colza (canola) Oli e grassi 17,46 mg 174,60%
Germe di grano tostato Cereali per la colazione 15,99 mg 159,90%
Olio di palma Oli e grassi 15,94 mg 159,40%
Olio di arachidi Oli e grassi 15,69 mg 156,90%
Kellogg’s Special K Cereali per la colazione 15,3 mg 153,00%
Kellogg’s Special K con frutti rossi Cereali per la colazione 15,3 mg 153,00%
Nocciole tostate Frutta secca 15,28 mg 152,80%
Nocciole Frutta secca 15,03 mg 150,30%
Olio di oliva Oli e grassi 14,35 mg 143,50%
Crema di mandorle Frutta secca 13,54 mg 135,40%
Pomodoro in polvere Aromi e spezie 12,25 mg 122,50%
Maionese Oli e grassi 11,79 mg 117,90%
Olio di semi di papavero Oli e grassi 11,4 mg 114,00%
Kellog’s coco pops Cereali per la colazione 10,8 mg 108,00%
Il contenuto diàVitamina Eàsi riferisce a 100 g di parte edibile di ogni alimento.

 

Falso mito
Quello giapponese è lA?ennesimo studio che mette in guardia da un consumo eccessivo di vitamine, abitudine ormai invalsa nellA?erronea convinzione che prendere integratori e multivitaminici come fai-da-te non possa che…..(Segue)

 

Mangi abbastanza frutta e verdura? Scoprilo con IL TEST

 

 

…fare bene.

Ma non è così, come del resto già dimostrato per altre vitamine e minerali: è stato da poco dimostrato, per esempio, che assumere troppo selenio mette a rischio di ammalarsi di diabete.

Il lavoro giapponese guarda invece alla vitamina E, un comune antiossidante che è stato fin troppo osannato per le sue presunte proprietà benefiche.

I ricercatori hanno perA? visto che un apporto di vitamina E nei topi, compatibile con le concentrazioni presenti negli integratori in vendita, determina una riduzione della loro massa ossea.

 

E che topi che sono in deficit di vitamina E, al contrario, presentano una massa ossea maggiore proprio perchè le cellule deputate al riassorbimento osseo (osteoclasti) diminuiscono se nellA?organismo non è presente molta vitamina E.
Lo studio suggerisce cautela, quindi, sullA?uso di questa vitamina che come tutte le altre dovrebbe essere assunta comunque su consiglio medico e solo se ce nA?A? un reale bisogno da parte dellA?organismo per esigenze particolari dellA?individuo.

 

Leggi anche: L’ABCà delle vitamine

 

Quanta vitamina E dobbiamo assumere ogni giorno

Sebbene la dose giornaliera consigliata per la vitamina E (alfa-tocoferolo) sia fissato in 10 mg (circa 15 UI di attività di vitamina E), la quantità di vitamina E necessaria è in larga misura dipendente dalla quantità di grassi polinsaturi presenti nella dieta.

PiA? grassi polinsaturi vengono consumati, maggiore è il rischio che essi risultino danneggiati. Poichà la vitamina E previene questo danno, l’aumento degli acidi grassi polinsaturi è accompagnato da un parallelo aumento del fabbisogno di vitamina E.

Sulla base della tabella soprariportata, per esempio, la quaotità giornaliera di vitamina E consiglioata equivale ad 100 grammi di maionese, e una tazza di cereali.

 

Leggi anche: Vitamine, quelle in pillole possono anche fare danni

 

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}