• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.213 visite

Cervello, se sei ricco ce l’hai scritto in faccia

faccia

Tra  le meraviglie  che giorno dopo giorno la scienza scopre studiando il cervello umano ce n’è una che  piacerebbe molto al fisco:  si tratta della scoperta di quel maledetto neurone che scrive sul volto di ognuno di noi se il suo reddito familiare è alto o basso, se cioè siamo ricchi benestanti,  sulla soglia di povertà.

Di che si tratta?

 

 I muscoli facciali   meglio del portafoglio

Tutto nasce dai 43 muscoli facciali che ognuno di noi modella a seconda del proprio stato d’animo o della propria condizione.  Muscoli che non serve invecchiare perchè parlino di noi, in quanto sono eloquenti anche  da ragazzi.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Toronto, in Canada, ha avuto l’intuizione di verificare se il reddito delle persone aveva un riflesso nell’espressione del loro volto. Hanno così suddiviso i loro studenti in due gruppi: quelli con un reddito basso,  che in Canada ( beati loro) si attesta sotto i 70 mila dollari l’anno; e quelli a reddito alto, con redditi superiori a 100 mila dollari l’anno. Poi hanno chiesto  ad ognuno di lasciarsi fotografare con l’obbligo di mostrare un’espressione del volto assolutamente inespressiva, pena l’esclusione dall’esperimento. Fatte le foto, un terzo gruppo di studenti  ha avuto l’incarico di osservare le foto e di collocare ogni immagine al di sopra dei 100 mila dollari di reddito l’anno o al di sotto dei 70 mila. E la sorpresa è che nessuno  ha sbagliato:  gli studenti  con la faccia da ricchi sono stati collocati nel posto giusto, così come quelli con la faccia da “poveri”.

 

Leggi anche: Cervello, arriva il neurone che cura la paralisi

Tag:
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}