• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.817 visite

Cerchi una palestra? Ecco come non sbagliare

Quando si tratta di scegliere la palestra dove iscriversi è bene conoscere i fattori fondamentali per un centro fitness: istruttori, macchine, spogliatoi, igiene, ventilazione…

palestra

Quando si tratta di scegliere la palestra dove iscriversi, o anche cambiare quella che per un motivo o per l’altro non ci piace più, ci si pone di fronte un bel dilemma: come regolarsi per non sbagliare? Quali requisiti deve avere un centro sportivo per soddisfare davvero tutte le vostre esigenze?

 

Leggi anche: Palestra, ecco quante volte a settimana

 

Ecco 6 cose da controllare per una scelta  giusta

  • ACCOGLIENZA – La reception deve dare informazioni dettagliate su corsi (dovrebbero essere molti e in un’ampia fascia di orari) e costi.
  • ISTRUTTORI – Prima di iscrivervi, verificate che gli istruttori siano diplomati all’Isef, ma sarebbe meglio se avessero anche frequentato corsi di aggiornamento e specializzazione. Diffidate di insegnanti sbrigativi o poco attenti alle vostre esigenze o poco disposti a personalizzare l’allenamento.
  • MACCHINARI – Visitando la palestra, guardate che la disposizione dei macchinari della sala pesi sia tale da non ostacolare il passaggio. Meglio ancora se tutti quelli che stimolano una determinata fascia muscolare si trovano nella stessa zona.
  • PAVIMENTO – fovrebbe essere in parquet, laminato di legno o linoleum. Quello della sala delle lezioni dovrebbe avere (sotto il parquet o il linoleum) anche uno strato ammortizzante di gomma o sughero. Per verificarlo saltateci sopra: se l’atterraggio è morbido, sarete sicuri sicuri di non procurarvi microtraumi durante il corso.

 

Leggi anche:  Palestra, almeno 6 mesi per vedere i benefici

 

  • VENTILAZIONE – La legge impone alle palestre un impianto di condizionamento o di circolazione forzata dell’aria, che garantisca un ricambio completo dell’aria ogni 60 minuti. Se vetri, finestre e specchi non sono appannati e l’aria non è pesante, il locale è in regola. Il numero e le dimensioni delle finestre, poi, devono essere proporzionati alla grandezza della palestra. Di norma, si calcola un metro quadrato di apertura ogni otto di superficie chiusa.
  • SPOGLIATOI, DOCCE E BAGNI – Gli ambienti di servizio devono essere proporzionati alla grandezza della palestra. Fate una visita durante l’ora di punta e date un’occhiata al numero di persone tra spogliatoi, bagni e docce: non devono mai essere troppo affollati. Ciascuno dei due spogliatoi (maschile e femminile) inoltre deve avere almeno tre bagni con antibagno.
  • CAMPANELLI D’ALLARME – Rivolgetevi altrove in tre casi: se non è possibile fare una lezione di prova gratuita; se non vi chiedono un certificato medico o è obbligatoria la visita col medico del centro, avete a che fare con gente poco seria; se il pavimento della palestra non è a vista e pulito, ma coperto con tappeti o moquette.

 

Leggi anche: Meglio la palestra o la pisicina? ecco le risposte

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}