• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.538 visite

Leadership: 7 strategie per diventare un Capo carismatico

Piccole mosse mirate sull’autostima per acquisire la capacità di guidare le persone

Da cosa si vede la leadership di una persona? Tutto dipende dal carisma: c’è chi lo ha innato, per indole; e c’è chi invece ne nasce sprovvisto e l’unico modo per aspirare a un ruolo da capo o guida e quello di lavorare su se stessi e sulla propria autostima per imparare a comandare.
Se infatti poter contare sul carisma significa essere già a metà dell’opera, avere a disposizione soltanto le proprie forze e la propria volontà di migliorare implica uno sforzo notevole.
Per semplificarvi la vita, abbiamo pensato di individuare le 7 mosse strategiche più importanti ed efficaci da adottare lungo la strada vero la leadership.

 

1) Comunica con il tuo io – Per tutte le volte in cui vi ritrovate a dirvi “Non sono capace”: d’ora in poi, cercate di essere meno severi nel giudizio su voi stessi. È il solo modo per non far diminuire l’autostima.

 

Leggi anche: Perchè la scrivania rende il capo prepotente

 

2) Affronta il disagio – Nelle inevitabili situazioni di difficoltà che capitano nella vita di ciascuno di noi, imparate a gestire l’ansia e a trovare una possibile via di uscita che vi aiuti a vincere l’insicurezza.

3) Non farti condizionare – Evitate di farvi guidare da stereotipi, pregiudizi o – peggio ancora – superstizioni e scaramanzie: affrontate ogni situazioni senza stabilire in partenza quale potrebbe esserne l’esito.

4) Impara a osservarti – In genere siamo molto bravi a dare consigli agli altri, ma molto meno abili a risolvere le nostre situazioni di disagio. Se riuscirete a guardarvi dall’esterno, come vi capita abitualmente di fare con amici e conoscenti che vi chiedono un giudizio o un consiglio o una valutazione, riuscirete ad avere una visione obiettiva del vostro caso e a scegliere la strada più opportuna.

 

Leggi anche: Dimmi che capoufficio hai, ti dirò che stress avrai

 

5) Non ingigantire i problemi – Accentuare la difficoltà, dipingere la realtà a tinte fosche, temere sempre il peggio non sono atteggiamenti che aiutano ad affrontare qualunque situazione. Cercate per quanto possibile di non essere pessimisti, ma ottimisti: non avrete la certezza di raggiungere la cima, è vero, ma di sicuro potrete lavorarci su con la migliore disposizione di spirito (garanzia, di solito, di ottimi risultati…).

6) Ricorda i vecchi successi – Se volete avere più fiducia in voi stessi, fermatevi di tanto in tanto a ricordare tutte le volte che avete fatto qualcosa di buono in passato: risultati raggiunti, situazioni difficili risolte, matasse sbrogliate, problematiche superate. E cercate di ricordare anche quali sono stati i vostri meriti in ciascuna di quelle situazioni.

7) Evita di nasconderti – Se volete acquisire autorevolezza all’interno di un gruppo di amici o di colleghi di lavoro, esprimete sempre il vostro punto di vista: sarà inevitabile, per loro, tenervi in maggiore considerazione.

 

Leggi anche: Da che cosa si vede un buon capo

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}