• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.058 visite

Capelli brizzolati, colpa dei radicali liberi

Più stressiamo le chiome con lavaggi frequenti e asciugature, più le scorie dell’organismo si accumulano sui follicoli

25 FEB – Nell’opinione comune sono elemento di attrazione (specie se riguardano gli uomini) o saggezza. Nella realtà scientifica, nient’altro che un segno di stress e cattiva cura del proprio corpo. I capelli grigi sono il risultato di un accumulo di radicali liberi nei follicoli. E più li stressiamo con lavaggi e asciugature, dieta sbagliata e molto altro, più facilmente la chioma diventerà brizzolata.
Lo dimostra uno studio in laboratorio su follicoli umani diretto da Karin Schallreuter della University of Bradford (Usa) e pubblicato sul FASEB Journal, la rivista della Federation of the American Societies for Experimental Biology. Gli esperti hanno infatti dimostrato che i capelli si ingrigiscono quando nei follicoli si accumula un radicale libero, il perossido di idrogeno (la comune acqua ossigenata). Questo blocca l´enzima che produce la melanina, che dà colore ai capelli. Purtroppo il processo è irreversibile perché nel cuoio capelluto viene a mancare un altro enzima, la catalasi, che avrebbe il compito di “digerire” il perossido ed eliminarlo. Lo studio suggerisce dunque anche una via enzimatica per contrastare la perdita di colore della chioma, combattendo dall´interno i radicali liberi.

Redazione Staibene.it – 2009
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}