• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.167 visite

Cancro ai testicoli, con lo spinello rischi

Il pericolo raddoppia negli uomini che assumono la marijuana

Sono destinati a far discutere i risultati di uno studio statunitense sugli effetti cancerogeni delle droghe leggere, pubblicato nei giorni scorsi. Secondo infatti gli esperti della University of Southern California, chi consuma o ha consumato in passato la marijuana corre un rischio doppio di sviluppare un tumore ai testicoli, rispetto a chi non ha mai usato questo tipo di droga leggera.

Il tumore più diagnosticato
La ricerca che ha scoperto il legame tra l´uso della marijuana e l´incremento del rischio di sviluppare sottotipi di tumori testicolari, è stata pubblicata sulla rivista scientifica "Cancer", edita dall´American Cancer Society. Il cancro del testicolo è il tumore più comune diagnosticato tra gli uomini di età compresa tra i 15 e i 45 anni.
"Gli uomini che nella loro vita hanno fatto uso di marijuana – spiegano gli autori – hanno una probabilità doppia di sviluppare delle forme di tumore al testicolo, i seminomi e i tumori a cellule germinali miste".

Anche per uso terapeutico
I risultati del lavoro suggeriscono che i potenziali effetti cancerogeni della marijuana non ricadono solo su chi consuma questo tipo di droghe, ma anche su pazienti giovanissimi che usano la marijuana e i suoi derivati per scopi terapeutici.

Le cause
"Ipotizziamo – precisano gli scienziati – che il legame tra la droga e il tumore ai testicoli possa essere causato dal sistema degli endocannabinoidi, la rete cellulare che risponde al principio attivo della marijuana, dal momento che questo sistema è stato già dimostrato essere importante nella formazione degli spermatozoi".

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}