• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.805 visite

Calvizie, in arrivo una cura con le staminali

Studiosi tedeschi sono convinti che con le cellule si arriverà alla soluzione definitiva del problema della caduta dei capelli

Un motivo di conforto e speranza per tutti coloro che vivono l’incubo della calvizie. Non è lontana una cura definitiva per la caduta dei capelli. Addio a lozioni che rallentano il problema e a tutti quei sistemi che riescono solo ad arginare il progressivo diradarsi della chioma. Presto potremo contare su una terapia vera e propria capace di risolvere – in 8 casi su 10 – radicalmente la calvizie. Sarà basata sulle cellule staminali, le stesse che negli ultimi anni stanno riservando clamorose sorprese agli scienziati che studiano le applicazioni possibili per la salute dell’uomo (cuore, vista…).

Cura anti calvizie rapida ed efficace
Sono stati gli scienziati della Technical University di Berlino (in Germania) ad arrivare alla scoperta che potrebbe rivoluzionare i trattamenti della calvizie. In che modo? Utilizzando delle cellule prelevate da animali che sembrano essere in grado di ricostruire i follicoli piliferi negli esseri umani nell’arco di un anno. Sul quotidiano britannico “Daily Express” il professor Roland Lauster, tra gli autori dello studio, questa ricerca potrebbe rappresentare il primo passo per la cura dell’80% delle persone che soffrono di calvizie.

Tra 5 anni
Quanto si dovrà attendere per ottenere l’elisir capace di bloccare la caduta dei capelli? Forse molto meno di quanto pensiamo. Secondo il professor Lauster ci vorranno circa cinque anni per la commercializzazione del trattamento per la ricrescita dei follicoli piliferi: “I preparativi, in questo senso, sono già decisamente bene avviati…”.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}