• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

7.168 visite

Calli, perchè vengono e come risolverli

Fai-da-te inutile e pericoloso. Ecco come regolarsi

Per risolvere il problema dei calli esistono ufficialmente tante strade. Ricorrere a un cerotto callifugo, a un preparato da banco o addirittura a un rimedio della nonna come incisioni in punti strategici della callosità del piede. Ma la verità è una sola: in poche altre situazioni, come davanti a un callo, il fai-da-te è inutile o addirittura dannoso (nel caso dei taglietti, per esempio, si rischiano infiammazioni o infezioni). L´unico davvero in grado di risolvere il problema è lo specialista: il podologo.

 

Cosa sono i calli e perché vengono

I calli sono una difesa dell´organismo a un´aggressione esterna, a un trauma meccanico: eccessivo attrito delle scarpe oppure squilibrio del peso nell’appoggio a terra durante la camminata, dovuto a calzature sbagliate o a un passo non regolare.
L´epidermide risponde all´”insulto” ispessendosi: si genera un eccesso di cellule morte, i cheratociti, che creano la callosità. In gergo medico si definisce ipercheratosi e può diventare patologica: callo da una parte, osso dall´altra e i tessuti molli che sono in mezzo compressi e doloranti.

A volte c´è la comparsa di ematomi, dovuti alla rottura dei capillari, con l´aggiunta di sofferenza a sofferenza.

Negli “occhi di pernice“, quelle ipercheratosi che si formano tra dito e dito (specie tra quarto e quinto), può svilupparsi un´infiammazione che, trascurata, può degenerare in infezione, con formazione di sacche di pus.

 

Leggi anche: Ecco perchè camminare rasoterra fa male

 

 

Le terapie anti calli

L´intervento immediato consiste nell`annullare, se ci sono,…

(segue)

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}