• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

980 visite

Bullismo e cyber bullismo si combattono così

I consigli dei pediatri per affrontare il fenomeno del bullismo giovanile di oggi, sia nella vita reale che nel web o nei socialnetwork.

Bullismo e Cyberbullismo: due facce della stessa medaglia. Come per altre forme di disagio che coinvolgono bambini e adolescenti, infatti, anche il bullismo nel nostro Paese sta assumendo forme e caratteristiche diverse, legate alla sempre più massiccia diffusione delle nuove tecnologie, sfociando nel cyberbullismo, forma di prevaricazione volontaria e ripetuta che avviene tramite i nuovi mezzi di comunicazione (e-mail, sms, telefonate, social network e web in generale).

 

 

Leggi anche: Bullismo, come riconoscerlo, come intervenire

 

Fenomeni preoccupanti

“Si tratta – spiega Giuseppe Di Mauro, pediatra e presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) – di fenomeni preoccupanti e in costante crescita nel nostro Paese, che occupano ampio spazio nelle cronache e coinvolgono sempre più da vicino le scuole italiane, sin dalle medie e anche prima. Per arginare e soprattutto prevenire il fenomeno del bullismo in tutte le sue forme, è fondamentale che le famiglie e la scuola agiscano insieme in un percorso condiviso,per sensibilizzare ed educare i ragazzi ad un uso corretto e consapevole delle nuove tecnologie già a partire dalla scuola media”.
Da una recente indagine di IPSOS per Save the Children emerge come il 72% degli adolescenti e giovanissimi italiani lo avverta come il fenomeno sociale più pericoloso del proprio tempo e che almeno 4 ragazzi su 10 siano stati testimoni di atti di cyber bullismo da parte di coetanei.

 

 

Il bullismo riguarda anche tuo figlio? Scoprilo con IL TEST

 

I segnali d´allarme

Ma, spiegano i pediatri SIPPS, esistono campanelli d´allarme ai quali i genitori dovrebbero fare attenzione, osservando i propri figli e distinguendo innanzitutto tra condizioni favorenti e comportamenti sospetti. Le condizioni favorenti sono essenzialmente un uso non controllato e spesso inappropriato di Internet e smartphone, spesso fino a tarda notte; uno scambio talvolta ossessivo di immagini, l´uso di messaggi sui social network che possono destare preoccupazione o inquietudine; la mancanza di orari e una vita nell´insieme disorganizzata….

(segue)

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}