• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.313 visite

Biberon, fino a che età è bene usarlo

Biberon, fino a quando è bene usarlo? Il momento in cui il bimbo va nutrito senza, per non rischiare l’obesità. Regole, consigli e cose da evitare.

Le neomamme lo sanno, i neopapà lo imparano in fretta, il biberon, con un neonato in casa, diventa presto uno strumento familiare quanto indispensabile. Il fatto è che, col passare del tempo, i neogenitori tendono ad abituarsi un po’ troppo a ricorrere a questo strumento perfetto per alimentare il nuovo arrivato in famiglia. Risultato: continuano a usarlo a lungo, molto più di quanto gli esperti consigliano di fare. Ma è proprio questo il punto: fino a quando è giusto usare il biberon? E a quale età bisognerebbe smettere, a prescindere o meno dai capricci del piccolo?

 

Leggi anche: Biberon: occhio ai materiali, uno è pericoloso

 

Rischio obesità
A questa domanda da un milione di dollari ha provato a rispondere uno studio statunitense, pubblicato sul “Journal of Pediatrics” dai ricercatori del Center for Obesity Research and Education della Temple University in collaborazione con i colleghi dell´Ohio State University College of Public Health. Gli esperti Usa hanno scoperto in particolare che far mangiare i bambini con il biberon fino a 2 anni di età provoca un aumento del 30% del rischio di sviluppare l´obesità intorno ai 5 anni.
Per studiare l´associazione tra l´uso del contenitore dotato di tettarella a 24 mesi di età e il rischio di obesità a 5 anni e mezzo i ricercatori hanno esaminato i dati di 6.750 bambini. Di questi, il 22% lo utilizzava  in modo abituale,mettendo a letto il neonato.

 

Leggi anche: Che fare se il bebè si sveglia di notte?

 

Mai oltre i 2 anni
Dalla ricerca è emerso che quasi il 23% dei piccoli che a 2 anni erano “abituali utilizzatori” del biberon era diventato obeso entro i 5 anni e mezzo: “I bambini che ancora bevono contenitore dotato di tettarella a 2 anni hanno un rischio maggiore del 30% di diventare obesi a 5 anni e mezzo”, spiega Robert Whitaker della Temple University, che ha guidato lo studio. E i risultati rimangono validi, conclude lo studioso, anche dopo aver considerato altri fattori come il peso della madre, il peso del neonato alla nascita e l´alimentazione del bimbo.
Nessuna controindicazione, invece, per l´uso dopo lo svezzamento ed entro il primo anno di vita.

 

Leggi anche: I rapporti tra suocera e nuora quando arriva il primo bebè

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}