• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

5.254 visite

Camminare rasoterra fa male

Ecco i danni che provocano le scarpe senza tacco

Saranno anche pratiche, informali, spiritose. Ma le “ballerine”, le scarpe da donna rasoterra, quasi del tutto prive di tacco, che richiamano le calzature da danza classica, fanno male alla salute. Del piede, ma non soltanto di quello.

Calzature sbagliate, problemi assicurati
Diciamolo subito: se indossate per brevi periodi, non c’è alcun problema. Il corpo può tollerare la situazione di squilibrio, provocata dalla quasi assoluta mancanza di tacco e dall’assenza dei lacci, tipica delle “ballerine”. Ma se indossare scarpe rasoterra diventa invece un’abitudine, i pericoli ci sono eccome.
Ortopedici, podologi e specialisti in genere del benessere del piede lo ripetono da sempre: la calzatura sbagliata può fare molti danni al nostro corpo. Quelli causati dalle “ballerine” sono un aggravio eccessivo sulle ginocchia, sulle anche e sulla schiena. La postura dettata da questo tipo di scarpe è totalmente sbagliata: “I ballerini professionisti le indossano senza troppo curarsi del fatto che non ammortizzino affatto l’impatto con il terreno dopo i balzi che compiono ripetutamente”, spiega Lorraine Jones della Society of Chiropodists and Podiatrists britannica. “Ma il loro è un lavoro e spesso le conseguenze negative per il corpo se le portano dietro per tutta la vita. Senza contare che comunque la gran parte di loro usa distanziatori in punta, piccoli cuscinetti in gel e altri trucchi protettivi. Ma se non si è costretti a indossarle per professione, perché farsi del male?”.

Quanti danni
Non sembra, ma passeggiare a lungo con scarpe prive di tacco impone ai piedi sollecitazioni forti, microtraumi continui che si ripercuotono un po’ ovunque. Non solo: “Scarpe come queste favoriscono fastidi come unghie dei piedi spezzate o incarnite e problemi più seri come l’alluce valgo”, dice ancora Lorraine Jones.
E ancora: l’assenza di una fibbia o dei lacci comporta una maggiore facilità del piede a fuoriuscire dalla scarpa. Con la conseguenza che, per non “perderla”, si tende a far assumere al piede una posizione scorretta e dannosa, con le dita ad artiglio.

L’alternativa più sana
La prima soluzione, se proprio non sapete resistere alla tentazione, è indossare le “ballerine” per poco: 2-3 ore al massimo. Se prevedete di doverle portare a lungo, mettete in borsa un paio più “corretto”: prima di sera, potrete sostituirle e far riposare il piede (con tutto il resto del corpo).
Altrimenti, sarebbe decisamente preferibile scegliere calzature con un minimo di tacco (bastano pochi centimetri) e soprattutto i bordi un po’ alti, in modo che il piede venga sostenuto correttamente.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}