• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.071 visite

Azotemia alta? Ecco quando indica che i reni soffrono

L’azotemia alta è uno dei quei valori che nelle analisi del sangue
il laboratorio di analisi sottolinea immediatamente perché potrebbero
essere il campanello d’allarme che qualcosa nel funzionamento dei reni
non va.

Ma è sempre così? Basta che un valore sia più alto della norma per
metterci in allarme? O capendo meglio di che si tratta possiamo
recarci dal medico con la ragionevole speranza che ci dica che abbiamo
solo bevuto troppo poco?

Basta dare un’occhiata al Dizionario Merk per fare una piccola
escursione del mondo dell’azotemia e dintorni e scoprire che
l’azotemia nel sangue ha una “sentinella” che ci richiama all’ordine
quando le cose non vanno e si chiama urea.

 

Leggi anche: I reni cosa sono e come funzionano

 

Cos’è l’azotemia

L’azotemia è la concentrazione di azoto nel sangue. L’organismo umano,
infatti, per produrre alcune proteine necessarie ha bisogno di
“bruciare” azoto utilizzandone però solo una parte e scartandone la
quantità in eccesso che, attraverso i reni, viene eliminata attraverso
le urine. L’eliminazione dell’azoto è obbligatoria perchè si tratta di
uno scarto tossico per l’organismo.

Ma quando l’azoto nel sangue può dirsi troppo elevato? Quando la
presenza (concentrazione) dell’urea nel sangue, che è la molecola che
provvede al servizio di smaltimento dell’azoto di scarto, è troppo
alta. Più l’urea nel sangue è alta e più significa che i reni non
sono riusciti ad eliminare l’azoto di scarto, attraverso l’urina.

Ecco perchè quando i risultati delle analisi del sangue ci dicono
che l’azotemia è alta, bisogna controllare se i reni funzionano
correttamente o hanno qualche malattia.

 

Quando i livelli sono alti

La presenza di azotemia nel sangue, per non destare preoccupazioni
non deve superare i seguenti livelli:

  •  Adulti : 43 mg/dl (milligrammi per decilitro);
  • Bambini 26 mg/dl ( pari al 60% del valore degli adulti);
  • Le donne possono avere livelli normali anche leggermente inferiori;
  • gli uomini over 60 leggermente superiori a causa spesso di una fisiologica ipertrofia della prostata che riducendo la capacità di svuotare la vescica, impedisce una totale eliminazione dell’urea mediante le urine.

 

 

Sei a rischio calcoli renali? Scoprilo con IL TEST

(segue)…

Tag:
Bruno Costi
Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}