• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.804 visite

Asma e studenti, 10 consigli per il ritorno a scuola

Federasma: le aule scolastiche sono un habitat ideale per il proliferare di allergie e problemi respiratorie in bambini e adolescenti

Con la ripresa della scuola, è bene che genitori e ragazzi siano consapevoli di una cosa: l´asma non fa sconti agli studenti, bambini o adolescenti che siano. Secondo Federasma, che raccoglie le principali associazioni per la lotta all’asma e alle allergie, le aule sono un ambiente ideale per far proliferare gli allergeni capaci di scatenare i problemi respiratori.

 

La cattiva qualità dell’aria nelle scuole
Diversi studi testimoniano come la cattiva qualità dell’aria respirata a scuola sia responsabile dell’aumento di allergie e asma fra la popolazione degli studenti e sia spesso causa dei malesseri tipici della cosiddetta “sindrome dell’edificio malato”: mal di testa, vertigini, nausee, stato di sonnolenza, svogliatezza e perdita di attenzione. L’aria analizzata nelle scuole inoltre, è risultata spesso peggiore di quella esterna, con pesanti effetti anche sui rendimenti scolastici: la ricerca ha dimostrato che raddoppiando i volumi dell’aria rinnovata, anche i test di lettura e di comprensione registravano risultati due volte migliori.

Consigli anti asma in classe
Secondo Federasma, esistono alcuni accorgimenti utili che possono facilitare la permanenza al chiuso degli studenti affetti da asma e allergie e agevolare il loro percorso scolastico. Vediamoli:

1) Mantenere un’adeguata ventilazione delle aule, umidità relativa sotto il 50% e temperatura sotto i 22°;

2)Asportare quotidianamente la polvere dalle superfici con panni umidi;

3) Effettuare la pulizia della scuola in assenza dei bambini;

Stilare regolamenti chiari sulle pulizie e sulle manutenzioni da effettuare ogni giorno o a intervalli periodici (ogni settimana,ogni mese…);

4) Scegliere metodi e prodotti tenendo conto delle esigenze dei bambini ipersensibili;

5) Aspirare ogni settimana con aspirapolvere dotati di filtri ad alta efficienza;

6) Eliminare le moquette e i tendaggi;

7) Evitare l’accumulo di libri e giornali su cui possono proliferare muffe e acari;

8) Evitare armadietti nelle aule e in particolare l’accumulo al loro interno di oggetti che possano costituire sorgente di umidità;

9) Rispettare rigorosamente il regime alimentare previsto;

10)Conoscere i periodi dell’anno “a rischio” (calendario pollinico), nei quali il bambino potrà essere esonerato dal praticare l’educazione fisica all’aria aperta.

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}