• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.585 visite

Arriva la fiori-terapia: e siamo tutti più cordiali

Un mazzo di fiori giusto piazzato in ognuno degli ambienti del mattino ( bagno, cucina, guardaroba) è in grado di cambiare l’umore della nostra giornata. Ad Harvard hanno scoperto perchè.

I fiori hanno sempre avuto destini molteplici: biglietto di presentazione, come gesto d’amore, come ricordo al caro estinto; ma che fossero anche  l’antidoto ai caratteri scontrosi ed ai risvegli difficili lo sapevano davvero in pochi.

Ed invece ecco puntuale lo studio svolto da un gruppo di ricercatori della Harvard University in collaborazione con il Massachusetts General Hospital che dimostra come i fiori siano in grado di esercitare un forte impatto sulle nostre emozioni.

In ricercatori sono partiti  come spesso accade dalla commessa di una qualche industria di fragranze ed essenze per profumi per studiare gli impatti di  queste nella reazione olfattiva fra le persone. Si sa, infatti, che questa è molto importante ed è alla base del successo secolare dei profumi. Un profumo attraente avvicina  le persone, crea attorno a chi lo indossa una capacità magnetica di suscitare benevolenza che, se non risolve, certamente aiuta la relazione. Al contrario un profumo sgradevole, allontana fisicamente il rapporto con tutto ciò che ne consegue sul piano della frequenza della relazione.

 

Leggi anche: Allergico alle piante? prova con le… piante

 

Ebbene, la ricerca  ha scoperto che le persone che faticano a svegliarsi la mattina o a reagire al suono della sveglia , dimenticano ogni fatica e ritrovano istantaneamente il buonumore se la prima cosa che vedono quando aprono gli occhi è un mazzo di fiori o una composizione di piante e fiori.

L’hanno subito chiamata morning flowers therapy ad indicare gli effetti terapeutici di una simile situazione che, se non può certo realizzarsi in camera da letto ( tenere piante e fiori   nella stanza dove si dorme è dannoso alla salute perchè le piante di notte emettono anidride carbonica), può tranquillamente avvenire  collocando un mazzo di fiori in cucina, il luogo dove  andiamo subito dopo alzati per fare colazione.

 

Leggi anche: Ditelo e fatelo con i fiori

 

Un fiore giusto  per ogni stanza del mattino

Esattamente come accade nella moda, anche i fiori hanno  il loro decalogo sociale, perchè la modalità di presentarli cambia a seconda delle realtà sociali – spiega Michael J. Skaff esponente di spicco di quella nuova professionalità che va sotto il nome di “analista floreale”.

Per il 2017, con le sue crisi e le sue incertezze sul futuro, l’analista prevede che i fiori che vanno di più sono quelli che consentono composizioni sofisticate e un po’ selvagge: orchidee, ortensie, nigelle, calle, gerbere.

Se volete svegliarvi di buon umore, dunque, piazzate un’ortensia in bagno (forse il primo luogo  che  visitiamo appena alzati) e poi subito una orchidea in cucina (il secondo luogo, quello della colazione). Se poi  avete una stanza armadio guardaroba, separata dalla camera da letto, piazzate una gerbera  vicino all’armadio e, se  gli studi della Harvard University sono confermati, ritroverete energia e buon umore istantaneamente per tutta la giornata.

 

Piante in casa: Sai come regolarti? Scoprilo con IL TEST

 

<!–nextpage–>

Le tendenze del 2017

Secondo i dati della società Npd, la tendenza dei fiori si muove in parallelo con quella dei profumi. E poichè  nel 2017 la vendita di profumi  nelle giovani donne fino a 35 anni ha fatto registrare aumenti di circa il 10% in Italia e Spagna e del 5% in Francia specialmente su certi tipi di fragranze gourmand, la tendenza è per  essenze golose, dove il profumo attrae non solo l’olfatto ma, se fosse commestibile, ce lo mangeremmo anche.

I fiori protagonisti? La rose. ma con sfumature diverse dal tradizionale, cioè assai simile a come la odoriamo in natura;la tuberosa ma non più opulenta bensì lavorata con tecnologia che fraziona e taglia alcune molecole privandola delle sue parti più scure.

 

Piante in casa: Sai come regolarti? Scoprilo con IL TEST

Tag:,
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}