• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

829 visite

Aria condizionata, guida all’uso senza rischi

Aria condizionata : come sfruttarla al massimo e non rimetterci la salute, salvandosi da torcicolli ed altri guai.

Quando il caldo e l´afa non danno tregua, ma non è possibile andare in vacanza, l´aria condizionata è l´unica possibilità di salvezza. Ma i condizionatori, se risolvono alcuni problemi, potrebbero crearne altri, perciò nella scelta e nell´uso è bene seguire alcune regole.



Raffreddare e deumidificare

Innanzitutto, è meglio acquistare un apparecchio che, oltre a raffreddare l´ambiente, lo possa deumidificare; succede infatti che, sebbene la temperatura non sia eccessiva, si abbia ugualmente una sensazione di caldo, dovuta proprio alla forte umidità che impedisce al sudore di evaporare, raffreddando così la superficie del corpo.

 

Mai troppo freddo

Seconda regola: non regolare il condizionatore a una temperatura troppo bassa, perché il freddo eccessivo – in particolare se ci si espone direttamente al getto d´aria – può provocare mal di schiena, torcicollo, paralisi facciali e addirittura attacchi di dissenteria accompagnati da crampi alla pancia.

In quest´ultimo caso è consigliabile bere molto per reidratare l´organismo, integrando i liquidi perduti.

 

Leggi anche : Tutto sul mal di schiena e il torcicollo

 

La temperatura ideale


La temperatura ideale su cui impostare il climatizzatore deve essere inferiore di 5 o 6 gradi rispetto a quella esterna, ma non di più, perché altrimenti il fisico sarebbe sottoposto a sbalzi difficili da sopportare.

A risentirne sono soprattutto le difese dell´organismo, che diventa così più esposto ai microrganismi di natura virale o batterica, causa di raffreddori e bronchiti.

 

Leggi anche: L’aria condizionata non fa male a patto che…

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}