• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

7.838 visite

Aperitivo? 11 modi sfiziosi per farlo light

L’aperitivo è un rito sociale sempre più diffuso che però può farti ingrassare. Ecco 11 modi per farlo con gli amici senza guai per la dieta.

Alzi la mano chi non ha mai preso parte a un aperitivo. Chi non si è mai fatto tentare da quel diluvio di piattini tentatori, da quegli stuzzichini irresistibili disposti strategicamente sui buffet dei locali più o meno alla moda, dal gusto di spiluccare qua e là chiacchierando con gli amici poco prima o durante l’ora della cena?

Sì, perché l´aperitivo è diventato ormai un rito collettivo per incontrarsi o socializzare dopo una giornata di lavoro. Ma anche un modo per risparmiare qualche euro rispetto a cene troppo impegnative e costose. Fatto sta che l’“happy hour” ha ormai preso piede fra giovani e non. In realtà, oltre ai motivi più strettamente sociologici, una sua funzione fisiologica l’aperitivo ce l’ha: stimolare la secrezione dei succhi gastrici, per comunicare al cervello la sensazione di fame. Ecco perché non andrebbe consumato troppo tempo prima di uno dei pasti principali della giornata: più tempo passa infatti tra l’abbinata cocktail – “stuzzichini” e il pranzo o la cena, più la sensazione di fame aumenta.

 

Leggi anche: L’aperitivo? Buono ma..pericoloso

 

Attenzione, però, perché davanti alle mille tentazioni rappresentate da cocktail, tartine e salatini, la dieta potrebbe rischiare: il pericolo di ingrassare esiste, insomma. Vi serve allora qualche consiglio pratico per non far sì che il gusto di un momento di relax e sfizio rovini la linea, il fegato e la salute in generale.

1) Evita gli alcolici – Quelli fino a 22° apportano anche 186 calorie ogni 100 cl, non dissetano, e quindi spingono a fare il bis. Senza contare che, bevuti a digiuno, vengono assorbiti troppo in fretta dall’organismo.

2) Se proprio devi, sì al vino bianco – Un calice di vino bianco secco da aperitivo, intorno ai 12°, apporta circa 102 calorie.

3) Ecco le tue soluzioni analcoliche – Meglio ancora dei cocktail analcolici a base di frutta è ordinare un succo di pomodoro: solo 14 calorie ogni 100 ml, contro le 60 di un succo di pera o le 36 di un succo di arancia.

4) Non farti ingannare dalle dimensioni del piatto – Il classico piattino che accompagna un aperitivo con salatini, patatine e noccioline è un’autentica mini-bomba calorica: il suo contenuto può toccare anche 410 calorie, quanto un piatto di pasta al ragù. Del resto, bastano 20 arachidi per totalizzare 60 calorie…

5) Mastica a lungo – in questo modo avvertirete prima il senso di sazietà ed eviterete di mangiare troppo.

6) Occhio alle patatine in busta – 30 g equivalgono a 165 calorie: meglio due o tre olive e capperi sott’aceto.

7) Via libera alle crudité – sono la soluzione ideale: carote, finocchi o pomodori da intingere in un cucchiaio di olio (89 calorie). Per esempio, 100 g di carote apportano 35 calorie, 100 g di finocchi solo 9 calorie e 100 di sedano 20 g calorie.

 

Leggi anche: 8 cocktails a prova di dieta

 

Happy hour, la versione “rinforzata” dell´aperitivo…..

 

(segue)

 

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}