• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.177 visite

Anticoncezionali: il cerotto transdermico

Contraccettivo ormonale che viene assunto per via cutanea

CEROTTO TRANSDERMICO

Cos’è
E’ un contraccettivo ormonale a basso dosaggio ed ha la particolarità  di essere assunto per via cutanea. Si tratta di un sottile cerotto composto da tre strati: contiene norelgestromina (un progestinico) etinilestradiolo (l’estrogeno presente in tutte le pillole) e ne rilascia la dose giornaliera necessaria.

Come si usa
Quando si applica il cerotto transdermico, (le cui dimensioni sono pari a circa metà  carta di credito), bisogna fare attenzione che la cute sia sempre pulita, asciutta. Non bisogna usare creme, oli o talchi e bisogna fare attenzione che la zona dove deve essere posizionato non presenti microlesioni.
Il cerotto può essere collocato sui glutei, sul braccio e spalla, sulla parte bassa dell’addome, tranne che sul seno.
Si utilizzano tre cerotti al mese, con cambio settimanale: ogni volta che si applica un cerotto nuovo, per evitare l’irritazione della cute, bisogna cambiare posizione.
Il primo cerotto si applica il primo giorno del ciclo e, dopo tre settimane, si fa una settimana di pausa senza cerotto. Tutti i cerotti si applicano e si rimuovono lo stesso giorno della settimana.
Il cerotto potrebbe essere meno efficace nelle donne che pesano 90 kg. o più.

Effetti collaterali
Tra gli effetti collaterali più frequenti si segnalano cefalee, nausea e tensione mammaria, come per la pillola estroprogestinica. Nel caso in cui il cerotto non aderisca perfettamente va sostituito entro 24 ore, utilizzando una nuova confezione come scatola di riserva, per mantenere la periodicità  della mestruazione.
Se sono passate più di 24 ore dal distacco o non è possibile ricostruire quando è avvenuto, ci potrebbero essere dei rischi: in questo si consiglia di utilizzare un altro sistema contraccettivo.

Controindicazioni
Valgono le stesse regole della pillola.
Anche se il vomito e la diarrea non creano problemi, i farmaci che vengono smaltiti tramite il fegato possono interferire.

(fonte: ministero della Salute)

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}