• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.449 visite

Allergia ai farmaci, come si riconosce e cosa fare

Quello che bisogna sapere sui diversi tipi di reazioni avverse ai medicinali

Quante volte avete sentito parlare di “allergie ai farmaci”? Non così tante, vero? E invece questo problema è molto diffuso e bisognerebbe conoscerlo in modo più approfondito per affrontarlo al meglio. Anche perchè spesso sono proprio i medicinali più usati – come gli antibiotici (in particolare le penicilline e le cefalosporine) – quelli più capaci di scatenare una reazione allergica. Proviamo allora a fare chiarezza.

 

 

I 4 tipi di allergie ai farmaci

Non esiste una predisposizione familiare a questo tipo di allergie. PuA? perA? predisporre al rischio l’uso frequente di antibiotici.

CiA? detto, esistono quattro tipi di diverse forme allergiche.

Tipo 1: ha lo stesso meccanismo di azione delle allergie ai pollini. I suoi sintomi? Orticaria diffusa, asma, gonfiori (pericolosi se si verificano in gola). Nei casi più gravi può portare allo shock anafilattico.

 

Leggi anche: Choc anafilattico, come non morire per una banalità

 

Tipo 2: in questo caso, il farmaco provoca forme di autoaggressione, che portano alla distruzione di piastrine, globuli rossi e globuli bianchi. Da un punto di vista dei sintomi, si riconosce perchè causa emorragie e febbre alta.

Tipo 3: qui i globuli bianchi possono creare una serie di depositi con il farmaco, danneggiando i reni, il fegato, i polmoni o il cervello. I sintomi: problemi renali, disturbi respiratori, problemi simili a quelli di piccoli ictus.

Tipo 4: innesca reazioni simili a quelle delle allergie da contatto. Si riconosce perchè provoca reazioni nell’arco di 6-48 ore: soprattutto dermatite pruriginosa.

 

Leggi anche: Come limitare i danni delle allergie

 

Che cosa fare subito

Se i sintomi di queste allergie si manifestano in modo acuto e violento, bisogna andare subito al pronto soccorso. Altrimenti, si può ricorrere con maggiore tranquillità al medico di base.

 

La diagnosi
Le allergie ai farmaci si individuano tramite esami cutanei (come il prick test) e del sangue (rast test e test di attivazione dei basofili): si tratta di test che permettono in molti casi di scoprire la molecola responsabile dell’allergia.

 

Leggi anche: Ecco i farmaci che possono provocare allergie

 

Come si curano le allergie ai farmaci ( segue…..)

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}