Salute e benessere; stare bene con Staibene.it



Guida allo svezzamento: tutte le novità


Il processo di introduzione dell’alimentazione complementare può idealmente essere suddiviso in almeno due fasi fondamentali:

1) L’introduzione dalla primissima pappa, quando nella dieta giornaliera del bambino viene sostituito un pasto latteo con un pasto semisolido o solido.

 

2)  La seconda fase invece rappresenta la scoperta di nuovi alimenti, gusti e consistenze, aumentando pertanto la varietà nella dieta. Le scelte alimentari effettuate durante il periodo di inizio dell’alimentazione complementare sono fondamentali per impostare le abitudini alimentari future e per evitare eccessi e/o difetti nutrizionali.

Le indicazioni fornite dalle piramidi alimentari per le due fasi di divezzamento sono da considerarsi indicative, in quanto non tutti i bimbi sono uguali e crescono allo stesso modo. È compito del Pediatra segnalare ai genitori gli interventi nutrizionali più idonei per il singolo bambino, indicando come meglio seguire gli sviluppi di peso e di altezza secondo quanto previsto dalle curve di accrescimento dell’ OMS.

 

Il divezzamento (o con terminologia più moderna e corretta: la "alimentazione complementare") indica il passaggio per il bambino dall’abitudine ad alimentarsi esclusivamente dal seno materno all’esperienza di assumere alimenti semisolidi e solidi. In questo periodo della vita del bambino, il latte cessa di essere l’alimento esclusivo della dieta, venendo gradualmente integrato.

In linea con le recenti indicazioni scientifiche internazionali promosse dall’ESPGHAN (European Society for Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition), in Italia sono state ideate due differenti Piramidi per la prima infanzia, per accompagnare la crescita e soddisfare i fabbisogni nutrizionali del bambino, rispettando le caratteristiche e tradizionali modalità con cui il bambino italiano da sempre intraprende il suo viaggio nutrizionale verso l’alimentazione degli adulti.

 

Le Piramidi sono uno strumento utile ma qualunque dubbio va, comunque, discusso con il Pediatra, ma senza che l´alimentazione diventi un problema. Il momento del pasto infatti deve essere sin da piccoli un momento rilassante, di divertimento, in cui è possibile fare esperienza di gusti, consistenze, colori.

Guida allo svezzamento: tutte le novità


Ti é piaciuto questo articolo?

Invia il tuo voto...
Vota questo argomento.  Clicca sulle stelline.
« Indietro

Commenti

Rakesh, 28-12-13 23:04:
Okay I can live with all of the shameless JFK plugs on this site but chneeirg for the Red Sox? I've never seen a group of millionaires look so much like homeless guys. You'd think there'd be a spare $7.99 in their huge salaries to take a trip to Great Clips.
Invia il tuo voto...
Vota questo argomento.  Clicca sulle stelline.
Marivanna Mancarella, 17-07-12 23:32:
I miei (all'epoca) neonati non sono mai stati seguiti da Specialisti Pediatri,(con tutto il rispetto) ma ho seguito in prima persona la loro magnifica crescita iniziale e svezzamento,grazie a me,amorevolmente basandomi sulle mie conoscenze culturali specifiche e attitudinali oltre capacità.Ho proseguito così sempre avanzando nel tempo, l'età degli stessi contribuendo contemporaneamente all'economia famigliare.
Invia il tuo voto...
Voto: 4.0 di 5. 1 voto(i).  Clicca sulle stelline.
PAOLO MARIA, 12-04-12 10:09:
Mi sembra un'iniziativa utile
Invia il tuo voto...
Voto: 5.0 di 5. 1 voto(i).  Clicca sulle stelline.

Aggiungi un commento

* campi obbligatori

*

*


*

Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM
Se non riesci a leggere la parola, clicca qui.
*