Salute e benessere; stare bene con Staibene.it


Home page  » Alimentazione  » articoli 


Dieta del gruppo sanguigno: sì o no?

Cerchiamo di capire se si può dimagrire in base al proprio sangue

13/06/2013
dieta gruppo sanguigno

aumenta carattere

testo

diminuisci carattere


La dieta del gruppo sanguigno fonda le sue convinzioni sulla teoria che ci siano delle corrispondenze genetiche ancestrali che incidono sul sistema immunitario, il metabolismo, il peso forma, la predisposizione a intolleranze alimentari, allergie e altre patologie a seconda che si appartenga al gruppo O, A, B o AB, e che di conseguenza ci sia anche un'alimentazione migliore da seguire. Ma vediamo più nel dettaglio.

 

Gruppi sanguigni e dieta consigliata

Gruppo 0
E' il più antico e risale ai nostri antenati cacciatori. Cosa è indicato per questo gruppo? I piatti proteici, come carne, uova, legumi, mentre dovrebbero tenersi alla larga da pane e pasta.

Gruppo A
A questo gruppo apparterrebbero i primi agricoltori di circa 10mila anni fa, e a loro si consiglia una dieta vegetariana, ricca di frutta, verdura e cereali.

Gruppo B
Chi appartiene a questo gruppo deriverebbe derivante dai nomadi, migrati dall’Africa circa 15 mila anni fa. Per loro ok a latte, latticini, uova.

Gruppo AB
Il più moderno nella specie umana può seguire un regime onnivoro a metà tra A e B. Insomma, possono mangiare un po’ tutto.

 

Gli effetti sulla dieta
La comunità scientifica non è affatto convinta dell'efficacia della dieta del gruppo sanguigno. Di più: è certa che faccia male alla salute. Secondo la rivista scientifica "American Journal of Clinical Nutrition", per esempio, le prove sulla validità di questo tipo di dieta sono inesistenti. Perplessità ribadite anche da Andrea Ghiselli, medico ricercatore dell’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran) e Cecilia Invitti, endocrinologa e nutrizionista dell’Isituto auxologico italiano.
Non solo. Le diete per i gruppi sanguigni A e 0 sono particolarmente restrittive, come avverte il "Langone Medical Centre" di New York (negli Usa), perché si eliminano interi gruppi di alimenti, che possono portare sì a una perdita di peso, ma anche un insidioso impoverimento nutrizionale.

 

Nessuna evidenza scientifica
Secondo la teoria del gruppo sanguigno, nel nostro Dna c’è scritto quali "bandierine" (tecnicamente, glicoproteine) presentano le cellule che scorrono nelle vene e nelle arterie. "Da qui è nata la teoria negli Anni 90", spiega Enzo Spisni, esperto di fisiopatologia del tratto digerente e docente al Master di alimentazione ed educazione alla salute dell’Università di Bologna, "secondo cui queste stesse glicoproteine erano presenti anche nelle cellule che rivestono l’intestino e che l’attività di alcuni enzimi digestivi variava in base al gruppo sanguigno di appartenenza. Da qui i collegamenti tra gruppo sanguigno e funzionalità dell’apparato gastrointestinale (smentiti da studi epidemiologici più estesi), e quindi la distinzione tra i cibi che – a seconda del ramo evolutivo di discendenza – risultano più o meno digeribili. "È un’idea che non sta in piedi", prosegue Spisni, "perché i gruppi sanguigni variano moltissimo tra le diverse popolazioni, senza alcun collegamento con il tipo di dieta seguita durante l’evoluzione".

Su questo argomento leggi anche:



Ti è piaciuto questo argomento?

Invia il tuo voto...
Vota questo argomento.  Clicca sulle stelline.


Commenti

piero, 28-06-13 18:05:
Sarà, ma per conbinazione, io sono del gruppo B-, e da quando sono nato (ho 65 anni), non riesco a mangiare formaggi di alcun tipo, e non posso bere latte, se non con reazioni dissenteriche...!!!evidente che non per tutti il concetto calza a dovere..!!Vedasi sopra che al gruppo B sono consigliati latticini, e derivati...!!boh...???
Invia il tuo voto...
Vota questo argomento.  Clicca sulle stelline.
angela, 20-06-13 19:59:
non condivido una parola di cio' che avete
scritto, in quanto da 2 anni sto adottando la dieta del gruppo sanguigno del grande dr.Mozzi,e sto benissimo, i valori di glicemia e ipertensione si sono abbassati ed anche i dolori articolari che curavo con antiinfiammatori!!!!!!!! sono scomparsi! certo è meglio dire che questa dieta non va bene altrimenti per le case farmaceutiche sarebbe un danno economico devastante!
Invia il tuo voto...
Voto: 4.0 di 5. 1 voto(i).  Clicca sulle stelline.

Aggiungi un commento

* campi obbligatori

*



*

Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM
Se non riesci a leggere la parola, clicca qui.
*

Test

Mangi troppi grassi?

Il test per scoprire se la tua alimentazione è troppo sbilanciata verso gli alimenti ricchi di grassi

Sai calcolare le calorie dei piatti che mangi?

Scopri se puoi tenerti alla larga dai cibi più ricchi