• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.983 visite

I 5 oggetti più infetti che usiamo

I 5 oggetti più infetti che usiamo nella nostra vita quotidiana: ci sembrano innocui ed invece sono pieni di batteri e virus. Ecco quali sono.

Oggetti infetti

Ci sono oggetti (il telecomando, lo spazzolino da denti, addirittura gli abiti appena comprati) e luoghi della casa, nella vita di tutti i giorni, che ci sembra assolutamente normale usare o vivere e che invece sono tra i più infetti. Sono infatti veicoli di virus e batteri molto pericolosi. Addirittura più infetti del telefonino. Di quali oggetti e situazioni stiamo parlando? Vediamoli.

 

Leggi anche: Vestito appena comprato? Sporco come se sempre usato

 

  • La tastiera del computer – Un’indagine condotta in Gran Bretagna ha dimostrato come, su 33 tastiere di pc individuate a caso, 4 erano abbastanza sporche da essere considerate un pericolo concreto per la salute; in un’altra si annidavano batteri in quantità centinaia di volte superiore a quella della tavoletta del water. Certo, non tutte le tastiere sono così sporche; ma può diventarlo se viene usata e non ci si lavano le mani dopo aver usato il bagno, aver infilato le dita nel naso o mangiato davanti al computer. Ecco perché è importante lavare la tastiera periodicamente con panni appena inumiditi di alcol.
  • Il portafoglio da uomo – E’ uno degli habitat più fertili per la proliferazione dei batteri. Le cose che ospita sono state toccate chissà quante migliaia di volte da te e da tanta gente. Non solo: è sempre custodito nelle tasche, in ambiente caldo e umido, il massimo perché i germi si sentano come a casa loro.
  • La cravatta: Nessuno lo immaginerebbe eppure è li, nelle pieghe dell’oggetto maschile che è segno di eleganza che si nascondono colonie intere di germi. Al punto che negli ospedali, è rigorosamente vietato visitare i pazienti tenendo  la cravatta anche sotto il camice. E se ci fare caso, tutti i medici in ospedale sono a collo aperto.

 

Leggi anche: Nelle borse delle donne ci sono cose” pericolose”

 

  • La scrivania di una donna – L’università dell’Arizona (Usa) ha calcolato che può ospitare fino a 400 volte di più dei batteri presenti sulla tavoletta di un water, di sicuro tra le 3 e le 4 volte in più della scrivania di un uomo. Il motivo? Anzitutto, le donne hanno l’abitudine di tenere snack nei cassetti; e poi, i trucchi, i cosmetici e le mille diavolerie che potrete trovare sul tavolo di una donna…
  • Il volante dell’auto – Sul volante di due automobili su tre, è presente il batterio Stafilococco aureus che in una su cinque non è solo, ma accompagnato dallo Stafilococco epidermidis. Entrambi responsabili di infezioni respiratorie, grastrointestinali e cutanee. Pensateci, la prossima volta che noleggiate un’auto…
  • I Dvd a noleggio – Stafilococco aureus e Stafilococco epidermidis, due batteri molto temibili, sono frequentissimi anche sui Dvd che si trovano nelle catene di noleggio. Impossibile pensare di disinfettarli prima di vederli, ovviamente; ma ricordate di lavarvi le mani con cura, subito dopo averli maneggiati.

 

Leggi anche: Igiene in casa, ecco i trucchi più efficaci

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}