• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.333 visite

Sesso, i 5 nemici del desiderio sessuale maschile

L’età della partner, la depressione, certi farmaci. Ma anche…

Il desiderio sessuale? Per gli uomini non è  sempre al picco dell’intensità ma la colpa, contrariamente a quanto dicono i luoghi comuni, non è nella data di nascita sulla carta d’identità. Ed allora dov’è la ragione?

Intanto diciamo subito l’antefatto che è la radiografia degli over 50 italiani, secondo un’indagine condotta dall´Unità di medicina della sessualità e andrologia dell´azienda ospedaliero-universitaria Careggi di Firenze.

Il risultato è che si  l’età può concorrere,nel senso che il desiderio sessuale non può essere sempre presente con la stessa intensità ed un calo della libido,è del tutto normale ad una certa età. Ma l’età non sempre è la causa di quando il desiderio sessuale svanisce.E quando c’è si può correre ai ripari.

 

Il calo del desiderio riguarda anche te? Scoprilo con IL TEST

 

Gli amici del desiderio
Nell’indagine sono stati presi in esame tre aspetti: la preoccupazione per la perdita della voglia di fare sesso, l´entità effettiva del desiderio e la rappresentazione intrapsichica di questo aspetto. Così gli studiosi hanno individuato gli “amici” della voglia di fare sesso:

  • un´attività fisica regolare ma non troppo intensa
  • sentirsi sani
  • avere una compagna che sta bene e si …sente in forma
  • avere una compagna più giovane.

 

 

Leggi anche: Sesso e sport, ecco le discipline che fanno male al sesso

 

I nemici del desiderio
L’indagine è andata oltre e gli studiosi hanno fotografato anche i 5 nemici del desiderio di lui. Oltre a temere il raffronto con altri partner, gli uomini di una certa età devono fare i conti anche con altro. Tra i nemici dichiarati del desiderio sessuale “assopito” ci sono:

  • oltre all´età di lei
  • la depressione
  • alcuni farmaci
  • un calo di testosterone
  • la prolattina alta

 

Si tratta di nemici che agiscono in modo diverso. Nello specifico, per esempio, la depressione influisce sui tre aspetti chiave: l´uomo non ha voglia, è preoccupato ed è frustrato.

Diverso è il caso in cui il calo di desiderio sia dovuto al calo di testosterone. In questo caso certo la voglia di fare l’amore è poca, ma non ci si preoccupa affatto. I farmaci antidepressivi, invece, hanno il potere di addormentare la voglia di sesso, così come la prolattina alta.

Occhio però, perché se per riaccendere i bollori si pensa di ricorrere a un´amante più giovane, questo approccio rischia di non rappresentare una soluzione, anzi.

 

Leggi anche: Sesso, perchè  gli uomini “casalinghi” lo fanno meglio

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}