• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.099 visite

Mosche innocue? Macchè! Ogni giorno rischiamo 100 malattie

mosca sul cibo

Le mosche sono insieme alle zanzare fra gli insetti più fastidiosi ed anche pericolosi per l’uomo, ma siamo portati in genere a considerarle familiari, meno pericolose dell’insetto la zanzara, che punge e talvolta arriva fino a provocare la malaria.

Ed invece no, niente indulgenza, perchè la mosca può essere portatrice addirittura di un centinaio di malattie tra umane ed animali, di cui almeno 6 patologie gravi e può essere veicoli di almeno 5 parassiti terrificanti per l’uomo, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato un allarme mondiale svelando che ogni anno muoiono a causa delle punture da insetto 700 mila persone.

Un utilissimo opuscoletto stampato dalla Regione Veneto insieme all’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie ha perso di petto il problema dando risposta alla domanda che tutti noi da sempre ci facciamo senza attendere troppo le risposte: “Mosche: solo fastidio o anche rischio per la salute?” E le risposte sono tutt’altro che rassicuranti.

 

Leggi anche: Insetti in casa, come tenerli alla larga

 

Mosche e salute

 

Sicuramente le mosche sono fastidiose ma possono anche rappresentare un rischio sanitario per la popolazione in quanto possono veicolare diversi agenti d’infezione -viene detto nell’opuscolo. La loro presenza è spesso indice di una scorretta gestione dei rifiuti urbani ma, anche, di poca conoscenza delle cause che possono favorirne la proliferazione nelle nostre case.

Possono anche causare perdite economiche per gli allevatori. Se presenti in grandi quantità, ciò significa che quasi sicuramente la gestione degli allevamenti non è delle migliori. La gestione del problema deve avvenire principalmente presso le aziende zootecniche, ma anche il comportamento di ciascun cittadino può contribuire alla riduzione della presenza di mosche.

 

Leggi anche: L’esperto: ” Insetti? Ecco i rimedi naturali

 

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}