• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.302 visite

Guarire senza farmaci: tutti i segreti dell’effetto placebo

Si può guarire da una malattia senza prendere farmaci? Dipende dai geni e se ci convinciamo che la cura è giusta. Si chiama effetto placebo, nasce nel cervello e funziona così.

Guarire senza farmaci: tutti i segreti dell’effetto placebo

Dopo anni di ricerca e tentativi  sommari di capire,  ora sappiamo perché si può guarire senza prendere farmaci, chi può guarire in questo modo e chi no, qual è il meccanismo che produce questo piccolo ”miracolo”. E risulta dunque più chiaro perché a volte una pillola di acqua e zucchero può guarire più di una sfilza di antibiotici.

 

Leggi anche: Guai di salute? Il Santo convince più dell’omeopatia

 

Cos’è l’effetto placebo

Ricordate la legge di Murphy? Diceva: ”se sei sicuro che qualcosa  andrà storto, stai certo che accadrà”. In un certo senso, anche se al contrario di quanto stiamo per dire, quella legge è   la volgarizzazione di un concetto  che ha fondamento nella scienza e cioè che  l’aspettativa che qualcosa si avveri, determina il fatto che si avvererà.

E’ l’effetto placebo”,  ovvero, quando si parla di medicina e salute,  la conseguenza di una terapia che  cura un male senza assumere alcun principio attivo contenuto in un farmaco, ma che ha la stessa efficacia del farmaco. Tutto ciò, tuttavia, ad una condizione:  che il paziente abbia fiducia  e sia convinto che quella terapia funziona e guarisca il male.

 

Leggi anche: Vuoi curarti senza farmaci? L’omeopatia risponde

 

Il cervello è più potente di un farmaco

Ma come è possibile che la sola forza del cervello sia più potente  di una terapia farmacologica?

La scienza ha fornito negli ultimi anni molte risposte a quersta domanda. Vediamole.

Intanto  le neuroscienze hanno dimostrato che, quando la nostra salute o la nostra sopravvivenza sono in pericolo, l’istinto di autoconservazione  che risiede nel cervello dà l’ordine al corpo di produrre  neurotrasmettitori che agiscono come analgesici naturali che aiutano a sopportare il dolore,  a superare fatiche fisiche che in condizioni normali non potremmo sostenere, o a curare patologie, come nel caso dell’effetto placebo.

Ebbene, la ricerca ha scoperto che se il nostro cervello si convince che una cura  ci guarirà, quella cura ci guarirà realmente anche se si tratta di una pillola di acqua e zucchero ed anche se siamo consapevoli che in quella pillola non c’è altro che acqua e zucchero. Basta dunque la forza della volontà  o della mente a curare i mali del corpo?

Sono stati condotti molti studi che dimostrano l’effetto della convinzione psicologica e mentale su condizioni  fisiologiche. Tra questi gli studi condotti dal  prof.  Fabrizio Benedetti, docente di Fisiologia all’Università di Torino e consultant al National Institute of Health a Bethesda e alla Mind Brain Behavior Initiative della Harvard University.

Tanto per citare alcuni esempi,  pazienti che per curare una patologia hanno preso 4 piccole  pillole contenenti acqua e zucchero  hanno segnalato benefici superiori di quanti ne prendevano solo 2 ; oppure pazienti che assumevano pillole  placebo più grandi dichiaravano condizioni migliori di chi assumeva  pillole più piccole. Segno evidente di come la percezione  di una maggiore quantità o dimensione delle pillole, viene tradotta dal cervello come maggiore efficacia della cura.

Ma l’effetto placebo non è dato solo dall’assunzione di pillole senza principio attivo. E’ dato anche da tutto ciò che serve a convincerci che una data cura sarà efficace a curare il nostro male.

 

Leggi anche: Depressione: cosa fare se i farmaci falliscono

 

L’empatia del medico conta  a volte più del farmaco

Rientrano in questo ambito dunque anche le condizioni ambientali: per esempio parlare con un medico che spiega  la causa del nostro male,  il suo decorso, le ragioni per cui la cura che ci viene prescitta dovrebbe funzionare; oppure , iniziare un percorso che prevede mote analisi approfondite, un ricovero in una struttura  medica specializzata. Tutto questo contribuisce a convincerci che ciò che stiamo facendo ci curerà e, dunque, esercita l’effetto placebo di aiutarci a guarire.

Niente più e niente meno di quanto in altre culture, con altri mezzi,  in altre epoche accadeva quando lo sciamano sottoponeva il malato ad alcuni rituali terapeutici che la scinza oggi stenterebbe a catalogare diversamente dalla ciarlataneria.

 

 

Leggi anche: Attenti al cibo! A volte annulla i farmaci

 

Per chi funziona e per chi non funziona

Ma chiunque può guarire con la sola forza del cervello?  La rispposta è no.

Una recente riicerca condotta dal Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) e l’Harvard Medical School (HMS) , pubblicata sulla rivista  Plos One, ha scoperto che l’effetto placebo non  funziona su tutti  allo stesso modo. E’ stato accertato che tutto dipende da un gene, quello che produce la dopamina, che in alcuni casi non  opera correttamente o a sufficienza, sicchè  l’effetto psicologico di convincersi sul successo di una terapia non  si produce. E questo spiega perché in alcuni casi  le cure non  funzionano.

Inoltre è stato accertato che ci sono alcune patologie per le quali l’efficacia del placebo non funziona: per esempio le infezioni ed i tumori.

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}