• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.645 visite

11. Adolescenza: il rischio delle dipendenze da alcol e tabacco

Il rischio di contrarre dipendenze da sostanze rimane una delle maggiori preoccupazioni dei genitori di adolescenti nelle varie ere che si sono succedute. Le possibilità educative.

Adolescenza: il rischio delle dipendenze da alcol e tabacco

Il rischio di contrarre dipendenze da sostanze rimane una delle maggiori preoccupazioni che negli ultimi cinquant’anni ha mobilitato i genitori di adolescenti nelle varie ere che si sono succedute. Purtroppo il rischio è presente per molte delle ragioni elencate prima, ma rimane anche il fatto che le dipendenze più rischiose perché destinate ad essere eterne sono quelle da alcool e da tabacco, sponsorizzate dallo Stato e certamente presenti nella nostra cultura da lustri e lustri. Considerate quasi legali perché non proibite hanno comunque solcato a lungo le abitudini delle famiglie finendo per diventare una abitudine da imitare o un segno di età adulta.

Ormai sappiamo che il cervello dell’adolescente vive questi fondamentali processi evolutivi che sono anche estremamente forti e attraenti nel loro sviluppo e che quindi non può essere richiesta al sedicenne la maturità di decidere di non fare qualcosa che avviene regolarmente in famiglia, a scuola e nella vita quotidiana. Il problema della dipendenza non si può collocare nella proibizione dell’esperienza di “provare” qualcosa: quasi mai una esperienza è molesta ma il rischio sta nel passare da uso ad abuso, a uso cronico e poi a dipendenza. Le possibilità educative per allontanare la dipendenza risiedono nella capacità di tollerare eventualmente l’uso dopo averne comunque discusso ed avere sapientemente descritto gli effetti del cattivo uso per poi diventare capaci di proporre un modello di vita globale in cui le scelte del ragazzo di dirigano verso gli aspetti che più premiano la sua individualità e le sue risorse e che quasi mai sono compatibili con il fumo di sigaretta o l’uso smodato di alcool di cui si finisce di non gustare neppure più i piccoli benefici.


giorgio bressa

prof. Giorgio Maria Bressa Bressa
(Psichiatra, Docente di Psicobiologia del Comportamento Istituto Universitario IPU Viterbo)

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}