• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.715 visite

La coppia “scoppia”? Quanto conta il sesso

Le storie d’amore finiscono, a prescindere dal come, dal quando e dal perché. Ecco la classifica delle 10 ragioni più frequenti, vista con gli occhi di 1400 donne

Fatevene una ragione: le storie d’amore – capita anche alle più apparentemente indissolubili – finiscono, a prescindere dal come, dal quando e dal perché. Se siete tra coloro che, invece di cercare di voltar pagina prima possibile, amano andare a fondo e sapere di più sui mille motivi che portano una relazione (matrimonio, fidanzamento o semplice flirt che sia) alla rottura, ecco la classifica delle 10 ragioni più frequenti, vista con gli occhi di 1400 donne intervistate qualche tempo fa dall’edizione inglese del mensile Cosmopolitan.

Al 10° posto: il sesso – All’ultimo posto della top 10 c’è una causa di rottura legata alle performance dell’uomo sotto le lenzuola: il 15,7% del campione delle intervistate le ha evidentemente giudicate non all’altezza…

Al 9° posto: la poca intesa con la famiglia e con gli amici – Il 18,9% delle intervistate considera questo aspetto fondamentale per la stabilità della coppia: quando non riesce a instaurarsi, scatta la crisi e la conseguente rottura. Un consiglio per gli uomini? Meglio cercare di farsi amica il più possibile la suocera e gli amici della vostra metà, se volete che il rapporto duri a lungo.

All’8° posto: la relazione a distanza – La lontananza non fa bene al rapporto: il 20,2% delle donne non sopporta l’idea di dovercisi confrontare. E dopo un po’ di resistenza, cede. E la coppia… scoppia.

Al 7° posto: la poca ambizione – Se l’uomo ne ha poca, se non vuole crescere professionalmente, se l’idea di una promozione non lo esalta più di tanto, il rapporto ne risente: al 20,6% delle donne, evidentemente, piace l’uomo ambizioso.

Al 6° posto: il romanticismo – Se un uomo vuole tenersi stretta la propria compagna, non deve smettere mai di riempirla di attenzioni. Il partner romantico è motivo di solidità del rapporto per il 21,1% delle intervistate: quando anche le piccole carinerie svaniscono, la relazione inesorabilmente salta.

Al 5° posto: la voglia di essere single – Chi lo ha detto che solo gli uomini sognino di essere scapoloni d’oro, perennemente a caccia di avventure erotiche? Il 21,1% delle donne che hanno chiuso una relazione, lo ha fatto perché voleva tornare single, con libertà di sedurre e flirtare senza porsi particolari problemi di coscienza nei confronti del partner.

Al 4° posto: i litigi – Altro che “l’amore non è bello se non è litigarello”… La realtà è ben diversa: gli scontri continui tra partner minano la coppia dalle fondamenta: il 29,1% delle donne li considera un motivo fondamentale di rottura di una relazione.

Al 3° posto: la perdita di fiducia – Quasi una donna su tre (il 29,7%) pensa che una relazione sentimentale non possa andare avanti se l’uomo le ha mentito o se lei pensa comunque di non poter avere più fiducia in lui.

Al 2° posto: l’infedeltà – Il tradimento maschile è la principale causa di rottura di una storia d´amore per il 36,6% delle donne.

Al 1° posto: l’amore che non c’è più – “Non ti amo più”: semplice, disarmante, eppure tremendamente vero. Quando l’amore se ne va, il rapporto non può andare avanti: ne è convinto il 39,7% delle donne intervistate.

Altre cause di rottura frequente, ma appena fuori dalla top 10? Alcune sono sorprendenti: l’uomo che chiede “che questo rapporti diventi qualcosa di più serio e importante”, il maschio troppo appiccicoso e presente e il partner che passa troppo tempo a vedere film o siti porno.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}