• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.416 visite

Dieta: 10 cattive abitudini da abbandonare per l’alimentazione

5) Usare l’olio di semi pensando che sia meno grasso e meno calorico di quello d’oliva. Tutti gli oli danno le stesse calorie: 9 in un solo grammo.
È meglio riabilitare (pur con moderazione) il burro: è meno calorico dell’olio (circa 758 calorie), anche se contiene colesterolo.

 

6) Soddisfare tutte le voglie, specie quelle improvvise fuori orario che vi spingono a mangiare qualcosa di irresistibilmente goloso.
È meglio aspettare 30 minuti. Secondo gli esperti è questo il tempo massimo che ci mettono a sparire completamente.

 

7) Mangiare crackers e grissini pensando siano più leggeri e dietetici del pane. Invece in 100 g ci sono circa 400 calorie.
È meglio sostituirli con 100 g di pane integrale: solo 242 calorie e in più le vitamine B1 e B2.

 

Leggi anche: Crackers e grissini, consigli per chi è a dieta

 

8) Una bella bistecca ai ferri la sera per “restare leggeri”. Al contrario di quanto pensano in molti, è uno dei piatti che rimane più a lungo nello stomaco: circa 240 minuti.
È meglio pesce o formaggio. In meno di un’ora li avrete digeriti.

 

9) preferire i mandarini che ingrasserebbero poco. Sbagliato: contengono ben 72 calorie l’etto, più delle banane che ne hanno 65.
È meglio optare per kiwi e mele (solo 43-44 calorie per 100 g).

 

10) Bere solo latte intero e mangiare solo biscotti perché è la “vostra” colazione (o merenda) da sempre…
È meglio usare il latte scremato: risparmierete circa 50 calorie a tazza. E poi, con i vostri soliti 6 frollini totalizzate 174 calorie, con 4 fette biscottate solo 136.

 

Leggi anche: Dieta, i 9 alimenti con più grassi” nascosti”

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}